Enter your keyword

Psicomotricità

Corsi di musica a Verona e provincia

PSICOMOTRICITA’ – CONOSCIAMOCI GIOCANDO

La psicomotricità è un’attività pensata a favore del bambini, in cui ognuno può liberamente sperimentare le sue attitudini ed entrare spontaneamente in relazione con chi lo circonda.

Questo percorso, rivolto ai bambini dai 2 agli 8 anni di età, favorisce l’acquisizione di una maggiore sicurezza nelle capacità, sostiene lo sviluppo e contribuisce alla maturazione delle potenzialità a livello motorio, affettivo, relazionale e cognitivo del bambino. Il “gioco” è il protagonista della psicomotricità: è lo strumento attraverso il quale il bambino si mette in condizione de esprimere la sua storia, con i propri desideri, aspettative ed emozioni, per imparare a conoscere sé stesso. Giocare, imparare, scoprire, conoscere, prendere coscienza del proprio corpo e sviluppare la propria personalità sono fondamentali per lo sviluppo e la formazione personale del bambino, ed in questo senso la psicomotricità si propone come il miglior metodo per il raggiungimento di questi obiettivi, in tenera età.

Dove e quando

Il corso si tiene tutti i martedì alle ore 16:30 presso la sede di Colognola ai Colli, in via Colomba, 34 – VR, con la psicomotricista Chiara Cerato, diplomata presso il CISERPP (Centro Italiano Studi e Ricerche in Psicologia e Psicomotricità).

Corso di Psicomotricità a Colognola ai Colli, Verona - School of Art®

Richiedi maggiori informazioni o partecipa alla lezione di prova gratuita, compilando il modulo qui sotto

Obiettivi del lavoro psicomotorio

Nonostante il mezzo sia il gioco, gli obiettivi del lavoro psicomotorio sono molto articolati e fondamentali per lo sviluppo del bambino:

  • favorire lo sviluppo delle abilità motorie e far prendere coscienza della globalità del proprio corpo e delle sue possibilità;
  • promuovere l’espressione corporea;
  • promuovere l’autocontrollo;
  • incrementare la capacità attentiva;
  • promuovere le tappe principali della socializzazione (rispetto delle regole, del proprio turno e degli altri individui, capacità di collaborare con il gruppo dei pari, ecc..);
  • favorire l’organizzazione temporale (concetti del “prima-dopo” e “partenza-arrivo”).